Polizza furto casa: ecco come funziona e quando conviene stipularla

I furti in casa costituiscono, purtroppo, un’eventualità sempre possibile, sia che si viva in centro città sia che si scelga come luogo per abitare zone residenziali un po’ fuori mano.

Certo, se si abita in ville monofamiliari con tanto di giardino la probabilità di furto o rapina potrebbe risultare più alta, ma anche nei condomini questi crimini non accennano a scomparire. Se ci si vuole mettere al riparo da questi frangenti, dunque, la decisione più saggia appare quella di stipulare una polizza furto casa, che presenta tantissime sfaccettature che qui conosceremo meglio.

Tutti i tipi di polizze furto casa

Esistono diversi tipi di polizze furto casa, nati dal fatto che le esigenze del cliente che richiede una protezione del genere non sono tutte uguali e c’è il bisogno di diversificare.

Cominciamo col dire che una polizza furto per l’abitazione è volontaria, non è cioè soggetta ad alcun obbligo, ma può essere sottoscritta in aggiunta ad un’assicurazione incendio e scoppio casa (quella sì obbligatoria) con la possibilità di essere pagata nello stesso periodo, per evitare confusioni.

Essa garantisce, inoltre, la restituzione in denaro del valore corrispettivo degli oggetti rubati. Ma quali sono le polizze furto più comuni? Innanzitutto esistono quelle che proteggono dal furto “semplice”, per così dire, senza scasso o rottura: alcune compagnie precisano che la copertura avverrà solo se in casa si trova l’assicurato o un’altra persona, mentre altre specificano che potranno essere rimborsati anche i danni causati da chi si è introdotto in casa in maniera illegale (oltre al rimborso della refurtiva).

In tale àmbito vanno incluse anche le assicurazioni che prevedono il furto con chiavi rubate o con introduzione clandestina. Il consiglio, comunque, è quello di leggere attentamente cosa prevede ciascuna compagnia assicurativa per questi sinistri e studiare un eventuale contratto di sottoscrizione punto per punto. Accanto alle polizze casa con furto semplice sono poi da annoverare le assicurazioni casa con furto e scasso, oltre che quelle che coprono dalle rapine. In questi casi bisogna distinguere tra la copertura per le rapine subìte in casa e quelle subìte fuori casa (ad esempio in giardino), tra quelle avvenute nella prima casa o nella dimora saltuaria, e bisogna stabilire da subito qual è il massimale coperto e cosa, in particolare, si vuole tutelare (un quadro di valore, gioielli, casseforti, etc.).

Cosa non viene coperto dall’assicurazione

Altro consiglio è quello di mettere in chiaro, sia che stipuliate la polizza online che vi rivolgiate ad un broker, cosa l’assicurazione non copre. Se, ad esempio, le condizioni parlano esclusivamente di rapina o di furto con scasso, il subire la sottrazione di oggetti anche di valore ma senza che vi siano stati danni alle serrature o ai vetri non comporta alcun tipo di risarcimento!

In linea di massima una polizza casa furto non protegge da furti avvenuti in concomitanza di incendio o scoppio, dal momento che, in questo caso, i danni saranno coperti dall’apposita garanzia obbligatoria, e non rimborsa nemmeno (come ovvio) se il furto è stato pensato e messo in atto dall’assicurato stesso o da qualche suo convivente o di cui è responsabile.

Ancora nessun rimborso dei danni se il furto o la rapina si verificano durante il periodo che assiste all’accadimento di un evento sismico o di calamità naturale (per queste evenienze va infatti stipulata una polizza apposita e specifica), se la casa è disabitata da più di un tot numero di giorni (di solito una cinquantina) o se viene rubata l’automobile (anche qui occorre un’assicurazione mirata). Copertura nulla, infine, se i furti o le rapine si verificano in concomitanza di guerre o eventi sociopolitici che causano sommosse e se in casa non sono installati appropriati mezzi di chiusura (infissi, lucchetti, serrature, etc.).

Preventivo polizze furto in casa

POLIZZA
VOTO
PREVENTIVI GRATIS
Logo genertel casa
Acquisto in piccole rate - Bonus Rinnovo - Risarcimento Completo

A chi conviene

Una polizza casa furto o rapina conviene soprattutto a chi nella propria abitazione custodisce oggetti di valore, come pezzi d’arte, quadri d’autore, arredi importanti, denaro e così via.

Può inoltre essere utile per chi possiede una “dimora accessoria”, che cioè frequenta poco durante l’anno rispetto alla dimora primaria. Prima di sottoscrivere qualsiasi polizza conviene per tutti, infine, informarsi attraverso tutti i broker o i siti web possibili, prendere nota di tutte le franchigie, i premi, i massimali e gli indennizzi, farsi calcolare un preventivo e poi, alla fine, scegliere il piano assicurativo che ci farà sentire meglio tutelati, anche in base al migliore rapporto qualità/prezzo.